RSS

Archivi tag: White Wolf

Webcomics time!

Fra una recensione e l’altra ho pensato di scrivere un piccolo articolo sui webcomic, cioè i fumetti pubblicati sul web. Un tempo ne leggevo moltissimi; poi ho smesso di seguirne alcuni, ma ce ne sono altri che mi piacciono troppo per abbandonarli. Ecco una breve carrellata. :)

Amazoness! racconta la storia del leggendario popolo delle Amazzoni, in particolare di Ess, la figlia della regina Ippolita… che è una nana senza alcuno spirito combattivo. È una commedia molto divertente, in cui le situazioni comiche sono rafforzate dal tratto dell’autore (le amazzoni sono tutte donnoni colossali con espressioni troppo ridicole per non riderci sopra); purtroppo è fermo da un pezzo. Si spera che riprenderà a breve.

Per gli amanti di Dungeons&dragons, Deficients&Dragons è un must: se credevate che i vostri personaggi fossero deficienti, non avete ancora visto questi. ^_^ Il disegno, fra l’altro, è ottimo e le battute quasi sempre all’altezza.

L’italianissimo Eriadan racconta storie di vita vissuta mescolate a filosofia cosmica e dibattiti nei Comitati Cerebrali. Da leggere assolutamente: ci sono strisce e vignette veramente geniali, ma anche quelle meno brillanti sono ottime.

Goblins ha una premessa interessante: conosciamo tutti il punto di vista degli eroi fantasy, ma com’è la storia vista da quello dei mostri? Infrangendo la quarta parete (i personaggi ragionano ad alta voce in termini di meccaniche di Dungeons&Dragons!) e mescolando in modo quasi perfetto comicità e tragedia, l’autore ha tratto da questa domanda un’opera straordinaria, fra le migliori del genere che io conosca. Consigliatissimo.

Keychain of Creation è ispirato anch’esso a un gioco di ruolo: questa volta si tratta di Exalted, il prodotto White Wolf in cui i protagonisti sono umani infusi di energie divine. Ovviamente, dallo stile del disegno potete intuire che anche qui il tono non è esattamente serio. :D Un webcomic molto leggero e divertente.

Simply Sarah è una commedia romantica con sfumature drammatiche. Racconta la storia dell’amore fra due ragazze, Sarah e Jane, osteggiato dal bigottismo della società e assediato dai mille problemi della vita quotidiana. Il tratto dell’autrice è un po’ scarno (anche se migliora sempre di più), ma guardabile; la storia è gestita molto bene, con episodi brevi e densi. I personaggi sono ben caratterizzati e molto interessanti. Una nota per i maschietti: ok, ci sono le lesbiche, ma questo fumetto non è un buon materiale masturbatorio, quindi se cercate porno soft evitatelo. ^_^

A proposito di lesbice: di carino c’è anche I was kidnapped by lesbian pirates from outer space!, che come potete intuire è un fumetto comico. ^_^ Non è malaccio (anche se dopo un po’ mi ricordo che aveva cominciato ad annoiarmi; dovrei riprenderlo in mano…), ma preferisco Simply Sarah.

Per chi ama League of Legends, Soraka Excellent Adventure è un must. Soraka è OP, niente da dire. :-/

The challenges of Zona è probabilmente il fumetto fantasy più originale che abbia mai letto. Prendete un uomo che, non si sa come, viaggia dal nostro mondo fino a una dimensione parallela; aggiungeteci donnoni muscolosi ma dal cuore d’oro, politica realistica, umanoidi mostruosi, omosessualità maschile esplicita (ma senza scene di sesso) e intrighi di ogni genere e vi sarete fatti una vaga idea delle situazioni immaginate dall’autore. Il tutto, sorprendentemente, non scade mai ed è sempre una bella lettura. :-D

The Dreamland Chronichles recupera un’idea piuttosto vecchia: quella di un giovane che, mentre dorme, vive avventure in un mondo fantastico. La trama è tutto sommato di impianto classico, ma ci sono alcuni spunti originali e parecchie scene sono davvero belle. Dateci un’occhiata.

Anche Wayfarer’s Moon è un fantasy, ma questa volta non c’è commedia: il tono è fra l’heroic e il low fantasy, complice il gioco delle differenze fra le due protagoniste (una ingenua e idealista, l’altra navigata e “dura”). Il disegno è interessante e la storia, che prometteva bene, finora non ha deluso.

Gli appassionati di Lovecraft, invece, troveranno un oscuro divertimento cosmico in The Unspeakable vault of Doom, probabilmente la migliore opera ispirata a quelle del “solitario di Providence”. Alcune strisce, come quelle che citano episodi di attualità, sono superbe.

Per fnire, c’è qualcosa che non è propriamente un webcomic (trattandosi di scansioni del cartaceo), ma è semplicemente imperdibile: Elfquest, un classico del fumetto fantasy ora disponibile gratuitamente online. Lettura assolutamente indispensabile per chiunque ami la fantasy ben scritta e, in questo caso, anche ben disegnata. Sono 6500 e rotte pagine, quindi consiglio di scaglionare la lettura. :D

Rileggendo quanto ho scritto, ho l’impressione di leggere un po’ troppi webcomic… O_o

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22/05/2011 in Fumetti, Uncategorized

 

Tag: , , , , ,

Non potremo sconfiggere minacce soprannaturali, ma contro i DRM possiamo fare qualcosa

Vi ricordate dei DRM, quell’obbrobrio immorale, inutile e contrario allo spirito delle leggi del mercato e della trasmissione della cultura? Per una volta, ho una buona notizia da darvi.

"Ragazzi, mettetevi comodi che ci sono novità"

Janus Design, editrice italiana di giochi di ruolo indie (un paio di titoli: Lo Spirito del Secolo e Non cedere al sonno) ha annunciato la pubblicazione in PDF del noto gioco Esoterroristi. Per ora è disponibile il semplice file di stampa, ma presto sarà messa online anche una versione “arricchita” con indice e segnalibri; si prospetta anche una versione in formato ePub. Il PDF non è inquinato da alcun DRM e (com’è, o dovrebbe essere, ovvio) gli acquirenti potranno scaricarlo un numero infinito di volte, comprese le versione aggiornate, senza alcun costo aggiuntivo.

Cosa significa tutto questo? Tanto per cominciare, se cancellate il vostro file per sbaglio o dovete formattare il computer non rischiate di perdere il vostro acquisto. Se poi volete trasferirlo su un altra macchina, ad esempio il vostro portatile di fiducia, potete farlo senza nessun problema (con l’ePub sarà ancora meglio, sempre che abbiate un eReader). Ogni volta che uscirà un erratum, esso verrà integrato in un nuovo file che potrete scaricare gratuitamente, in modo che possiate avere un prodotto sempre migliore col passare del tempo.  Esattamente le qualità che dovrebbe avere un prodotto per cui vale la pena pagare.

Questo è ciò che meriterebbe certa robaccia "legale"... peccato che la si paghi troppo per farlo

A proposito di soldi: il prezzo del PDF è di 10 euro, con un simpatico sconto del 15% fino alla fine di maggio. Paragonato alla versione cartacea dello stesso manuale, costa il 60% in meno (-75% considerando lo sconto) : un’ottima scelta editoriale. Se si possiede una stampante e/o si ha modo di stampare a buon prezzo, si può anche trasformare il prodotto elettronico in un manuale “solido” molto conveniente. Facendo il confronto con altre realtà, il risultato è decisamente in favore di Janus: la Steve Jackson Games (un grosso editore americano) vende i PDF dei manuali di GURPS a un prezzo inferiore mediamente del  26% rispetto alle versioni stampate, con punte di oscenità quali GURPS Ultratech e GURPS Fantasy venduti in PDF al 17% in meno rispetto ai softcover (lol). La White Wolf (famosa per le linee Mondo di Tenebra e Nuovo Mondo di Tenebra) tiene un rapporto 1:0,5 fra prezzo del cartaceo e prezzo del PDF: buono, ma non ottimo. La Wizards of the Coast (avete presente Dungeons&Dragons e Magic: The Gathering? tutta roba loro) non vende più PDF da un paio d’anni perché, nonostante i DRM, si riusciva comunque a piratarli; il risultato sono migliaia di clienti in meno fra coloro che acquistavano i PDF, ma non i cartacei, e quelli che di fronte a tale e tanta idiozia hanno deciso che piuttosto di dare soldi a questa gente vanno bene le scansioni puntualmente messe online da diversi volenterosi.

Di fronte alla necessità di vendere un prodotto elettronico, le strade finora intraprese dagli editori sono state due: l’offerta al potenziale acquirente di qualcosa che valga il suo prezzo, oppure la vendita di robaccia costosa e farcita di DRM. La scelta di Janus Design fa ben sperare per il futuro dell’editoria italiana dei giochi di ruolo.

Belinda di approvazione:

 
1 commento

Pubblicato da su 11/05/2011 in Giochi di ruolo, Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , ,

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 403 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: