RSS

Archivi tag: Fumetti

È morto Sergio Bonelli

Stanotte ho fatto un sogno: discutevo assieme ad alcuni amici del costo di pubblicare un fumetto in Italia e ricordo di aver detto che “Per risparmiare potreste fare come fanno tutti, tranne Bonelli, e usare il computer per il lettering”. Stamattina ho letto su Repubblica.it la ferale notizia (relegata, ahimé, nella colonnina laterale). Sarà un caso?

La morte di Sergio Bonelli mi è dispiaciuta molto. Sebbene, come editore, Sergio fosse ancorato a idee ormai superate da tempo (“le ricerche di mercato sono inutili”, “su una pagina ci devono stare sei vignette, punto”, ecc), il suo ruolo storico nella creazione di una cultura del fumetto in Italia non può essere negato da nessuno. E come scrittore di fumetti (parecchi Tex, Mister No, ecc) era parecchio bravo. Mi mancherà.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26/09/2011 in Fumetti

 

Tag: ,

Segnalazione: “Peace Maker” di Ryoji Minagawa

Peace Maker (gioco di parole fra “pacificatore” e il nome della famosa pistola prodotta da Colt, la Peacemaker) è un manga ambientato in un mondo simile al Vecchio West americano, dove il sistema dei duelli è un vero e proprio business con tanto di professionisti certificati e loro manager. Il protagonista, Hope Emerson, è un pistolero vagabondo e un po’ sfigato, ma abilissimo nel tiro, che grazie al proprio senso di giustizia si trova a dover affrontare i Crimson Executors, una banda di assassini al servizio di un potente criminale. A complicare le cose, Hope è costretto a occuparsi di Nicola, una ragazzina all’apparenza sola al mondo… ma che in realtà è la nipote di Philip Crimson, capo della famiglia (in tutti i sensi) da cui lei è fuggita. E qui cominciano i guai…


Peace Maker è un bel fumetto, disegnato piuttosto bene e con una storia – per ora – interessante. Le armi da fuoco (in particolare le pistole) sono le vere protagoniste: l’autore le mostra in modo estremamente realistico e i pistoleri usano tecniche reali, anche se a volte la velocità e la precisione con cui le eseguono sono esagerate per motivi drammatici (si veda il primo duello di Hope). Come ogni bravo mangaka che si rispetti, non perde l’occasione di mostrare anche armi del tutto inventate, come la Gatling brandeggiabile usata dal bruto del quarto capitolo: una roba assurda, ma con un certo carisma.

I comprimari del fumetto sono gradevoli, in particolare Nicola; Kyle, il manager con la mania del gioco d’azzardo, mi è puzzato un po’ di stantio all’inizio, ma verso la fine del primo numero la sua figura si approfondisce. Per ora non sono apparsi altri personaggi interessanti.

Peace Maker sembra un bel fumetto, ma penso che occorrerà almeno un altro numero prima che io possa farmi un parere completo. Consiglio comunque l’acquisto, sopratutto se siete appassionati di West e armi da fuoco antiche. ^_^

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28/07/2011 in Fumetti

 

Tag: , , ,

Webcomics time!

Fra una recensione e l’altra ho pensato di scrivere un piccolo articolo sui webcomic, cioè i fumetti pubblicati sul web. Un tempo ne leggevo moltissimi; poi ho smesso di seguirne alcuni, ma ce ne sono altri che mi piacciono troppo per abbandonarli. Ecco una breve carrellata. :)

Amazoness! racconta la storia del leggendario popolo delle Amazzoni, in particolare di Ess, la figlia della regina Ippolita… che è una nana senza alcuno spirito combattivo. È una commedia molto divertente, in cui le situazioni comiche sono rafforzate dal tratto dell’autore (le amazzoni sono tutte donnoni colossali con espressioni troppo ridicole per non riderci sopra); purtroppo è fermo da un pezzo. Si spera che riprenderà a breve.

Per gli amanti di Dungeons&dragons, Deficients&Dragons è un must: se credevate che i vostri personaggi fossero deficienti, non avete ancora visto questi. ^_^ Il disegno, fra l’altro, è ottimo e le battute quasi sempre all’altezza.

L’italianissimo Eriadan racconta storie di vita vissuta mescolate a filosofia cosmica e dibattiti nei Comitati Cerebrali. Da leggere assolutamente: ci sono strisce e vignette veramente geniali, ma anche quelle meno brillanti sono ottime.

Goblins ha una premessa interessante: conosciamo tutti il punto di vista degli eroi fantasy, ma com’è la storia vista da quello dei mostri? Infrangendo la quarta parete (i personaggi ragionano ad alta voce in termini di meccaniche di Dungeons&Dragons!) e mescolando in modo quasi perfetto comicità e tragedia, l’autore ha tratto da questa domanda un’opera straordinaria, fra le migliori del genere che io conosca. Consigliatissimo.

Keychain of Creation è ispirato anch’esso a un gioco di ruolo: questa volta si tratta di Exalted, il prodotto White Wolf in cui i protagonisti sono umani infusi di energie divine. Ovviamente, dallo stile del disegno potete intuire che anche qui il tono non è esattamente serio. :D Un webcomic molto leggero e divertente.

Simply Sarah è una commedia romantica con sfumature drammatiche. Racconta la storia dell’amore fra due ragazze, Sarah e Jane, osteggiato dal bigottismo della società e assediato dai mille problemi della vita quotidiana. Il tratto dell’autrice è un po’ scarno (anche se migliora sempre di più), ma guardabile; la storia è gestita molto bene, con episodi brevi e densi. I personaggi sono ben caratterizzati e molto interessanti. Una nota per i maschietti: ok, ci sono le lesbiche, ma questo fumetto non è un buon materiale masturbatorio, quindi se cercate porno soft evitatelo. ^_^

A proposito di lesbice: di carino c’è anche I was kidnapped by lesbian pirates from outer space!, che come potete intuire è un fumetto comico. ^_^ Non è malaccio (anche se dopo un po’ mi ricordo che aveva cominciato ad annoiarmi; dovrei riprenderlo in mano…), ma preferisco Simply Sarah.

Per chi ama League of Legends, Soraka Excellent Adventure è un must. Soraka è OP, niente da dire. :-/

The challenges of Zona è probabilmente il fumetto fantasy più originale che abbia mai letto. Prendete un uomo che, non si sa come, viaggia dal nostro mondo fino a una dimensione parallela; aggiungeteci donnoni muscolosi ma dal cuore d’oro, politica realistica, umanoidi mostruosi, omosessualità maschile esplicita (ma senza scene di sesso) e intrighi di ogni genere e vi sarete fatti una vaga idea delle situazioni immaginate dall’autore. Il tutto, sorprendentemente, non scade mai ed è sempre una bella lettura. :-D

The Dreamland Chronichles recupera un’idea piuttosto vecchia: quella di un giovane che, mentre dorme, vive avventure in un mondo fantastico. La trama è tutto sommato di impianto classico, ma ci sono alcuni spunti originali e parecchie scene sono davvero belle. Dateci un’occhiata.

Anche Wayfarer’s Moon è un fantasy, ma questa volta non c’è commedia: il tono è fra l’heroic e il low fantasy, complice il gioco delle differenze fra le due protagoniste (una ingenua e idealista, l’altra navigata e “dura”). Il disegno è interessante e la storia, che prometteva bene, finora non ha deluso.

Gli appassionati di Lovecraft, invece, troveranno un oscuro divertimento cosmico in The Unspeakable vault of Doom, probabilmente la migliore opera ispirata a quelle del “solitario di Providence”. Alcune strisce, come quelle che citano episodi di attualità, sono superbe.

Per fnire, c’è qualcosa che non è propriamente un webcomic (trattandosi di scansioni del cartaceo), ma è semplicemente imperdibile: Elfquest, un classico del fumetto fantasy ora disponibile gratuitamente online. Lettura assolutamente indispensabile per chiunque ami la fantasy ben scritta e, in questo caso, anche ben disegnata. Sono 6500 e rotte pagine, quindi consiglio di scaglionare la lettura. :D

Rileggendo quanto ho scritto, ho l’impressione di leggere un po’ troppi webcomic… O_o

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22/05/2011 in Fumetti, Uncategorized

 

Tag: , , , , ,

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 403 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: